Epistenologia Nicola Perullo
Libri e parole

Epistenologia: nuove prospettive di degustazione

Il titolo parla da sè: Epistenologia – il vino e la creatività del tatto. Il libro di Nicola Perullo è un’opera sul vino decisamente diversa dalle altre.

Sicuramente, buona parte del mio progetto è legata alla lettura di questo piccolo libretto (solo un centinaio di pagine) che ha un grande merito: considerare il vino sotto un’altra prospettiva. Quella filosofica, spirituale, personale: chiamatela come volete. Comunque una prospettiva ben diversa da quella dei corsi ufficiali, delle schede tecniche e delle definizioni precise.

Una prospettiva più umana, terrena, legata al momento, ai soggetti (perché il vino è anche soggetto, e non solo oggetto, del dialogo) e all’evoluzione – del vino e delle persone.

Filosofia del vino, a 360°

Nicola Perullo è professore di Estetica, ed insegna Filosofia del cibo ed Estetica del gusto all’Università di Pollenzo. Questo background estetico e filosofico gli ha permesso di proporre un percorso innovativo, che sposta l’asse dell’analisi degustativa verso orizzonti molto più soggettivi.

Il passato di Perullo è quello del degustatore professionista, o meglio, canonico. Ma qualcosa cambia nel corso degli anni, e alla necessità di oggettività si affianca un analisi molto più legata alla percezione, alla psicologia, ad un estetica del gusto che non è solo capire il vino in quanto oggetto, ma dialogare con esso in quanto soggetto. Il vino viene visto da Perullo come qualcosa di vitale, come un soggetto vivo e provvisto di un proprio apparato comunicativo. Non interlocutore inerte, ma controparte attiva della discussione.

Incontri, creatività ed epistenologia

Non per niente Perullo parla di incontri e creatività. L’incontro per il vino, l’incontro con il vino; e la creatività che automaticamente emerge durante questo incontro. Un incontro che – l’autore lo ribadisce costantemente – è soprattutto pragmatico: “bere vino è un gesto poietico e pratico insieme”. Le immagini e le possibilità emergono così in modo naturale, legate ad un incontro che è pieno, totale e sempre unico.

La pluralità sostituisce così quella unicità, quella oggettività che siamo tanto abituati a ricercare nel vino. Pluralità che corrisponde a possibilità, ad un bere diverso che resta aperto ed atipicamente influenzabile. Un bel modo per recuperare quella che è la nostra componente soggettiva. Quella componente che è spesso e volentieri lasciata da parte a favore di un approccio scientifico, legata ad un oggettività che allontana, invece che favorire l’avvicinamento. Mentre il vino, invece, deve avvicinare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

52 + = 62